Fixing Machine

La fixing machine è un sistema semplice per consentire a chiunque di stampare dei piccoli cerotti in plastica con cui “curare gli oggetti malati” quando qualcosa si rompe è solitamente difficile ripararla in modo robusto, anche perché spesso non sono progettati né per durare, nè per essere riparati, questi cerotti colorati non solo rinforzano le linee di rottura, ma servono anche a raccontare che quel pezzo è stato riparato, per renderlo visibile, senza vergognarsi della volontà di non buttare via per riacquistarne uno nuovo. Le cose che decidi di riparare diventano uniche e tue, come quando si adotta qualcosa che è stato abbandonato.

In fondo, nulla è messo così male da non poter almeno provare a ripararlo!

 

Processo

1- incolla le parti che si sono rotte

2- misura quanto grandi dovrebbero essere i cerotti

3- scegli la forma che dovrebbero avere (se singoli o a croce)

4- scegli il colore dei cerotti

5- inserisci le misure usando gli slider della fixing machine

6- stampa i pezzi che ti servono, del colore, della dimensione e della forma che vuoi

7- immergi i cerotti in acqua bollente per qualche secondo

8- toglili dall’acqua con attenzione e premili sulla superficie da riparare finchè non ne calca correttamente la forma

9- una volta raffreddato, il cerotto manterrà la forma della superficie su cui è stato sagomato

10-  incolla i cerotti nella posizione voluta e completa la tua riparazione

Complimenti! hai appena “curato” un oggetto!

file: laser cut dxf – algoritmo grasshopper – schemi fritzing

designed and built by: Stefano Paradiso – Enrico Bassi

Workshop @ Wired Next Festival

Licenza Creative Commons
Fixin Machine by Stefano Paradiso Enrico Bassi is licensed under a Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 3.0 Unported License.

Posted in

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

poweredby